Dopo aver scritto questo articolo mi sono chiesto più volte se era il caso di proporlo;

Forse per San Valentino avrebbe avuto maggior senso, mi son detto.

Invece dopo ho pensato: che me ne frega di San Valentino? si sta parlando del sentimento più bello in assoluto. Quello che “move il sol e l’altre stelle”.

E se lo dice il sommo poeta chi sono io per pensare che non sia il luogo e il momento adatto per parlarne?

Una volta qualcuno mi ha detto che le “relazioni sono tutte magiche perché hanno in sé delle proprietà chirurgiche e una potenza medicamentosa. Nel bene e nel male”.

Possono cioè portare delle portentose guarigioni oppure, se il medico è pietoso, a volte possono infettare la piaga.

Certi rapporti purtroppo, si rivelano nel tempo come delle sale di tortura emozionale eppure sono sempre più dell’idea che le relazioni dipendano principalmente da noi, da come ci si approccia.

Quando lo fai con amore vero, queste possono portare non solo guarigione ma anche miglioramento nella vita di entrambi.

Chi amiamo, non importa se per poco tempo o per molto, diventa come una sorta di angelo custode, una guida e un riferimento. E lo stesso vale per l’altra persona.

Verso questi angeli prima o poi accade però una cosa strana e cioè che dentro cresce una sensazione strana, di qualunquismo, fatalismo. Una sensazione che prima o poi fa diventare tutto scontato.

Invece è bene rendersi conto che sulla terra esiste solo un esiguo numero di angeli custodi per ciascuno di noi e quindi è bene evitare di fare questo errore. Dobbiamo evitare di dare la loro presenza come scontata.

In qualche momento, anche solo per un attimo verso queste persone c’è stato amore.

Siamo stati tutti innamorati e riconoscere che questa è una grande fortuna e un piacere che possiamo dare al nostro cuore ci rende più vivi.

Sono molte le persone che invece adesso non hanno questa fortuna.

Persone che non hanno ancora trovato qualcuno da amare o da cui farsi amare oppure che, avendolo trovato, l’hanno poi perso. Nel senso più ampio del termine.

Fate in modo che ciascun momento trascorso con la persona che amate sia speciale e meraviglioso, concedetevi il permesso di essere voi stessi e dire all’altra persona veramente ciò che provate, almeno di tanto in tanto.

Fate in modo di tenere a mente sempre che ciò che conta veramente non sono le piccole cose per cui ci accapigliamo ma il fatto che, un giorno, avete posato gli occhi su di loro e loro su di voi e c’è stato qualche istante di sfavillante magia. La magia dell’amore.

Lasciate che il pensiero di questa magia stia con voi sempre di più, così da comprendere cosa significhi condividere il piacere della vera intimità.

Renditi responsabile di portare consapevolezza dentro di te, che quello che hai provato è stato qualcosa di grande e che se anche adesso sono passati anni e tante cose non sono più quelle di prima, se qualche ruga si fa strada sul tuo sorriso, qualche acciacco disturba la quotidianità e i pensieri si fanno a volte in salita, hai avuto o hai la grande fortuna di conoscere il più potente, il più illuminante dei sentimenti: l’amore.

Se poi in questo momento sei single fai che sia lo stesso e datti aperture verso il futuro, che niente ancora è scritto che tu non voglia.

Ho conosciuto tante di quelle persone che a prescindere dall’età si davano già per persi nei confronti delle proprie relazioni. In realtà erano proprio come te, persone speciali che avevano solo perso la speranza e la forza di credere in un futuro migliore.

La ricerca e la scelta di cambiare strada, avendo accanto persone positive, che possano aiutarle, le hanno portate di nuovo a credere che potranno incontrare una persona speciale come loro.

Cosa che per molti puntualmente è già successa, quasi come se esistesse una legge d’attrazione (!) alla quale non ci si può sottrarre.

Svegliarsi con a fianco l’amore della vostra vita, e sentirsi da Dio, o svegliarsi da soli, ma stare a meraviglia perché la vostra vita è costellata di persone positive, che vi hanno a cuore e vi amano teneramente, non ha prezzo.

Quando lasci fluire amore, l’altro cuore lo capisce e si unisce a te nel viaggio, qualsiasi esso sia.

Un viaggio che potrai fare all’interno di una cornice di amicizia, collaborazione, passione, lavoro, famiglia, sport…

Non c’è cornice della vita che non possa accogliere sua maestà l’Amore.

La cornice in questione te la dà la vita poi sta a te dipingere il quadro del tuo viaggio.

Luca Paoli